Il mio perchè:

ri-conoscere la bellezza originaria
per costruire insieme
il miglior futuro possibile

Riattivare la naturale connessione con la bellezza unica insita in ciascun individuo, team ed organizzazione perché possa manifestarsi nel mondo e fiorire.

Affianco persone ed organizzazioni affinchè emerga la consapevolezza di ciò che possono costruire nel mondo e per il mondo. Andando avanti nella vita e nel lavoro, a volte si perda di vista l’essenziale, ovvero:

La considerazione  da cui parto è che nonostante ci siamo evoluti in molti ambiti, sembra che nelle nostre organizzazioni scolastiche, sociali, aziendali e persino familiari, la logica della competizione e della ricerca del proprio successo abbiano spesso la meglio rispetto al benessere, alla felicità delle persone, alla possibilità di co-creare e co-costruire un mondo migliore per tutti, a partire dal lavoro che occupa tanta parte del nostro tempo e delle nostre energie.

Nuove prospettive

Nel corso del tempo ho avuto modo di incontrare molte realtà e mi è capitato di incontrare persone infelici, insoddisfatte, stressate, che facevano fatica a fiorire, a crescere, ad esprimere talenti e unicità a favore di tutti.

Ciascuno di noi invece ha la possibilità di fare la differenza per sé e per gli altri, di essere felice nel senso originario della parola: essere “arbor felix”, ovvero un albero che dà frutto, che porta a compimento ciò che è, promuovendo lo stesso negli altri.

Attraverso la ricerca qualitativa, il coaching, la formazione, la progettazione di percorsi evolutivi, mi appassiona attivare nuove prospettive con cui guardare la realtà, per sviluppare la consapevolezza dei propri talenti da coltivare, connetterli con quelli degli altri e costruire il miglior futuro possibile.