Percorsi Evolutivi per le organizzazioni

Come CHO (Chief Happiness Officer) ho la possibilità di guardare alla realtà del cliente con uno sguardo complessivo e sistemico e di individuare quali possibilità evolutive possono cominciare ad essere innescate all’interno dell’azienda, del team, dell’organizzazione per permettere poi a loro stessi di costruire da soli, e se lo desiderano affiancati da me, la loro unica e particolare trasformazione migliorativa, in accordo e sintonia con la loro realtà e con il loro proposito nel mondo.

Per costruire una progettazione su misura, rispondente ai bisogni reali presenti nell’ organizzazione, l’obiettivo che mi pongo è quello di comprendere quale tipologia di intervento può essere davvero utile in quel momento e in quel contesto determinato.

Si parte sempre da un’analisi dello stato attuale dell’organizzazione, dei suoi punti forza e dei suoi aspetti migliorabili.

Per questo i progetti evolutivi sono pensati, costruiti e disegnati talvolta insieme a colleghi e partner con cui ho consolidata collaborazione e affinità e che possono apportare valore e competenze specifiche al bisogno.

Aiuto il mio cliente a capitalizzare ciò che già possiede all’interno della sua realtà e ad attingere a ciò che non fa ancora parte della sua cultura e che può consentirgli di costruire una realtà migliore per sé, per la sua squadra di lavoro e per la realtà in cui opera.

I temi che al momento sembrano essere i più sensibili e richiesti, come segno dei tempi e del contesto evolutivo in cui ci troviamo, riguardano: